”invece le canzoni non ti tradiscono. Anche chi le fa può tradirti, ma le canzoni, le tue canzoni, quelle che per te hanno voluto dire qualcosa, le trovi sempre lì, quando tu vuoi trovarle. Intatte. Non importa se cambierà chi le ha cantate. Se volete sapere la mia delle canzoni, delle vostre canzoni vi potete fidare.”
Radiofreccia, film sui generis, per la regia di un cantante come Luciano Ligabue e innevata di musica.
Perché apriamo questo nostro consueto incontro con questa citazione?
Perché oggi ho voglia di spiegare a chi ci legge e specialmente ai genitori dei nostri atleti e a qualche amico che me contesta l’utilità la bellezza dei tornei e di cosa la pallacanestro possa voler dire nel momento formativo di una persona.
27 dicembre al Ciketo, locale stra consigliato del centro cittadino, su stimolo di Andrea Colli e Lara Cumbat, organizzazione ed entusiasmo a dimostrazione che la genetica non è una mera opinione e vale per entrambi, abbiamo avuto il piacere di prendere un aperitivo tra gli 88 che hanno gravitato nell’ambiente della pallacanestro per festeggiare i nostri 30 anni.
Ora, tra un bicchiere e una tartina,mentre mi suonava in testa “quelli che non hanno età” degli Eiffel 65 (ah le canzoni) mi sono trovato a riflettere sul fatto che a parte qualcuno che per lavoro è fuori Trieste, con gli altri mi veda se non settimanalmente almeno una volta al mese.
E chi devo ringraziare, per aver varcato la soglia dei 30 anni con ancora tutti questi legami così forti? La pallacanestro.
Metà delle persone presenti all’aperitivo sono ex camperini e camperine, cresciuti a casa Trieste con Franco, Stefy, Lele e i giovani istruttori di ieri, maestri di oggi, come Ponga, Massa, Bartoli e chi ha scelto altre realtà come Alessio e Luca.
L’altra metà l’ ho conosciuta in giro per tornei, da Fossombrone a Pesaro.
Chi devo ringraziare allora per tutto questo?
Indizio, ha sede sociale in Largo Papa Giovanni XXIII.
E allora cominciamo l’anno richiamando una canzone di quando eravamo più giovani, che ha un passaggio che mi ha fatto sempre pensare a quello che mi ha dato questa società.
E quindi a tutti voi ed ad Azzurra “che ha reso la mia vita bella da morire e riesce a render la fatica un immenso piacere”, buon anno e buona pallalcesto a tutti.
66 Condivisioni

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità dl sito e per tenere conto delle scelte di navigazione. Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcun cookie è possibile consultare la Cookie Policy. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi